In questi ultimi anni sono risultati in aumento gli inserimenti di alunni stranieri che spesso sono privi di conoscenze di base della lingua italiana. La scuola, seguendo la normativa di pertinenza, si ¨¨ attivata per predisporre strumenti e indicare modalit¨¤ per favorire al meglio l'ingresso di tali alunni; di seguito viene messo a disposizione il materiale elaborato dalla Commissione per l'integrazione degli alunni stranieri.

 

 

Estratto dal DOCUMENTO INFORMATIVO PER L'INSERIMENTO SCOLASTICO DEGLI ALUNNI STRANIERI:

"I minori stranieri, come ogni alunno italiano, hanno un inalienabile e fondamentale diritto all'istruzione del tutto indipendente dal fatto che essi godano o meno dei diritti legati alla cittadinanza e quindi sono soggetti all'obbligo scolastico; l'iscrizione alle classi della scuola dell'obbligo va quindi accolta in qualsiasi momento dell'anno, in coincidenza con il loro arrivo sul suolo nazionale (D.P.R. n.394/99, art. 45, C.M. del 23/03/2000 n.87 e C.M. del 05/01/2001, n.3 ). Essi vanno accolti anche se sprovvisti di permesso di soggiorno o privi di documentazione (art. 45 del DPR n.394/99).

L'effettività del diritto allo studio è garantita dallo Stato, dalle Regioni e dagli Enti Locali anche mediante l'attivazione di appositi corsi ed iniziative per l'apprendimento della lingua italiana¡ (Art.38, D.L. 25 luglio 1998 n.286) (DPR 394/99, capo VII, art. 45)

Accanto a questo diritto pienamente riconosciuto se ne trovano altri spesso non sempre del tutto accolti, quali l'inserimento dell'alunno in una classe adeguata alla scolarità precedente ed alla sua età cronologica (C.M. 205/26.7.90) (DPR 394/99, capo VII, art. 45)."

 

Consultazione allegati


Pubblicata il 10 aprile 2017